Modem libero, l’entrata in vigore rimandata al 31 dicembre

 

L’Agcom (Autorità Garante per e comunicazioni) ha rimandato dal 30 novembre al 31 dicembre l’obbligo per i gestori di telecomunicazione di lasciare liberi i propri clienti di scegliere un modem compatibile in autonomia e non dover utilizzare necessariamente quello fornito in comodato (in realtà viene effettuata una vera e propria vendita rateizzata) dallo stesso gestore.

La decisione si e’ resa necessaria a seguito della richiesta dei gestori che, a detta loro, non sono ancora pronti per tale modifica. La delibera che lo stabiliva risale a metà luglio, quindi diversi mesi prima della prima scadenza, che ora slitta al 31 dicembre 2018. Ovviamente c’e’ amarezza per  l’associazione Free modem association, di cui fanno parte i provider internet, i costruttori di apparati e i consumatori. E’ evidente che  i gestori  telefonici, negando la libertà di modem, stiano violando i diritti dei consumatori già dal 2016, anno in cui è stata approvata sulla neutralità della rete, che contiene l’articolo su la libertà di uso di dispositivi d’accesso.

Purtroppo per i consumatori, non è detto neanche che la scadenza del 31 dicembre sia definitiva. Agcom infatti ha messo le mani avanti prevedendo la possibilità di concedere deroghe caso per caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.